Approfondisci:


Normativa aggiornata e completa sul Green Public Procurement
Leggi di più

Corsi di formazione e eventi sul Green Public Procurement
Leggi di più

Le notizie sul Green Public Procurement
Leggi di più

Servizi Punto 3 per il GPP
Leggi di più

Pulizia professionale: in arrivo il Regolamento Ecolabel per i servizi

  • Carrello FRED - FILMOP INTERNATIONAL - GPP, Pulizia e prodotti per l’igiene, Attrezzatura Professionale, Hotel Restaurants Catering
  • Lavasciuga pavimenti Mxr - Fimap - GPP, Pulizia e prodotti per l’igiene, Macchine, Hotel Restaurants Catering
  • Asciugamani piegati a "Z" - Lucart Professional  - Eco Ristorazione, Pulizia e Igiene, Prodotti in carta tessuto, Per gli Alberghi, Eventi Sostenibili, Per il GPP, Per l'Azienda, Per la Scuola
Pulizia professionale: in arrivo il Regolamento Ecolabel per i servizi - AcquistiVerdi.it

La Commissione Europea, attraverso un esteso programma di consultazione dei portatori di interesse del cleaning professionale, sta definendo i criteri necessari per la certificazione Ecolabel UE per i servizi di pulizia.

Prossimamente il marchio di qualità ambientale (e prestazionale) dell'Unione Europea oltre che sui prodotti e sui servizi di ricettività turistica sarà previsto anche per un servizio caratterizzato in questi anni da un tasso notevole di innovazione ambientale che ha interessato i prodotti, le attrezzature e i macchinari di pulizia. Ad oggi infatti l’unica certificazione di tipo I estendibile al servizio di pulizia è Nordic Ecolabelling che - come tutte le certificazioni di prodotto o di servzio appartenenti a questa categoria - fissa specifici criteri ambiantali e prestazionali.

I criteri del futuro Regolamento Ecolabel per i servizi di pulizia saranno con ogni probabilità i seguenti:

  • almeno il 70% in volume di detergenti che dovranno essere a marchio Ecolabel EU (o possedere un’altra etichetta ambientale ISO di tipo I);
  • verrà stabilita una soglia minima (in volume) di detergenti concentrati da utilizzare per l’espletamento del servizio;
  • il 100 % di carta tissue utilizzata deve essere a marchio Ecolabel EU (o un’altra etichetta ambientale ISO di tipo I);
  • almeno il 70% dei mop e dei panni e asciugamani a marchio Ecolabel EU (o un’altra etichetta ambientale ISO di tipo I);
  • almeno il 50% degli asciugamani in tessuto deve essere a marchio Ecolabel EU (o un’altra etichetta ambientale ISO di tipo I);
  • dovranno essere definite procedure operative e sistemi di dosaggio per la riduzione degli spechi di prodotto chimico e per la la corretta gestione/smaltimento dei rifiuti prodotti e delle acque reflue;
  • verranno stabiliti standard di efficienza energetica delle attività connesse con i servizi di pulizia (lavanderia) e delle aspirapolveri;
  • verrà stabilita una soglia massima relativa alle emissioni in aria e uso di combustibili associati al trasporto su strada del personale operativo.

Precondizioni per l’ottenimento dell’Ecolabel EU saranno l’aver implementato da parte della ditta un sistema di gestione ambientale certificato e il rispetto dei principi e dei diritti fondamentali del lavoro come descritto da: ILO (International Labour Organisation’s) Core Labour, UN Global Compact, OECD Guidelines for Multinational Enterprises.

La Commissione Europea oltre a sviluppare i criteri Ecolabel UE per il servizio di pulizia, sta revisionando anche i criteri europei GPP per i prodotti e i servizi di pulizia: il prossimo Ad Hoc Working Group meeting sarà ad ottobre 2015.

Maggiori informazioni sul sito della Commissione UE

 

 



Archivio News

Commenti su questa news

promuovi i tuoi prodottiPromuovi i tuoi prodotti su AcquistiVerdi.it
90 aziende
l'hanno già fatto
per 209 prodotti!

© 2018 Punto3 S.r.l. Via Bologna 119, 44122 Ferrara.
info@punto3.it P.IVA-C.F. 01601660382